Cooperteatro 85 srl   P.I. 01637521004 - C.F. 06879770581               Privacy Policy                 SteveR
In   una   società   come   la   nostra,   dove   tutto   si   avvilisce   e   corrompe,   che   valore   hanno   ancora   l’onestà,   la dignità   e   il   rispetto   dei   valori   umani?   Gli   ideali   politici   sono   al   servizio   di   interessi   privati,   la   creatività   e   la fantasia   servono   all’imbonimento   pubblicitario,   i   valori   più   elevati   sono   svenduti   e   liquidati   e   tutto   è asservito   all’utile.   Paradossalmente   quello   che   è   rimasto   più   coerente   a   se   stesso   è   il   mestiere   più antico   del   mondo.   Le   prostitute   hanno   continuato   a   fare   ciò   che   hanno   sempre   fatto   con   chiarezza, senza sottintesi o simulazioni : oseremmo dire “onestamente”. Un   intellettuale   e   una   prostituta,   protagonisti   della   commedia,   assumono   il   ruolo   emblematico   di rappresentanti    di    questa    mutevole    società.    Lui    (Pietro    Longhi)    presume    di    appartenere    alla    casta detentrice   del   potere   culturale,   lei   (Paola   Tiziana   Cruciani),   la   peccatrice,   l’emarginata   si   esprime   invece con    il    molto    personale    linguaggio    della    “verità”.    Con    ironia    ed    umorismo    attraverso    il    divertente incontro-scontro   tra   i   due,   la   commedia   ci   mostra      che   siamo   diventati   un   po’   tutti   “gente   di   facili costumi”………esclusi i presenti, naturalmente!